L’approccio

Mi interessano le storie delle persone: scriverle è un omaggio ai narratori e, per certi versi, una forma d’arte. Col passare degli anni le storie personali si accumulano, ma se non vengono ricordate si perdono. Per custodire il patrimonio delle storie personali ho scelto la via più tradizionale: scrivo.

Dopo una serie di incontri provvedo ad una stesura in sintonia con ciò che il mio interlocutore vuole raccontare, illustrando il tutto con scatti presi dall’album di famiglia. Si arriva quindi alla creazione del libro da conservare nella biblioteca di famiglia, e l’e-Pub da regalare alle persone più care.

12004967_924818714257807_290605865650222387_n

Asilo di Fogliano, aprile 1951. Nella foto Daria Cabas, mia madre.

 

Questa è proprio
da raccontare ai nipoti

Quante volte hai sentito questa frase? Quante ne avresti da raccontare ai nipoti, e quante ne hai sentite tu? In questo sito puoi trovare storie “da raccontare ai nipoti”. Puoi lasciarti narrare qualcosa, oppure raccontare tu; o far parlare qualcuno a cui tieni, perché questo sito ti propone il gran salto da lettore ad autore.

Il percorso creativo

In ogni famiglia c’è un pacco di fotografie, che alle volte si spingono fin nel XIX secolo. Radunarle su un tavolo contornato da parenti, specie più anziani, permette di disporre di una ottimale base di partenza. Stendiamo un grande foglio bianco e tracciamo un sommario albero; ci aggiungiamo date di nascita ed eventuale morte, mestiere, diramazioni genealogiche, ed ogni sorta di curiosità che emerga alla semplice “evocazione” del parente. L’incontro iniziale ci ha già fornito, a questo punto, uno scheletro di riferimento biografico e storico.

Procediamo ora con un secondo incontro, incentrato su domande a tema, come per esempio:

  • Racconta il più grande spavento della tua vita
  • Racconta qualche episodio della tua vita lavorativa
  • Il più bel viaggio della tua vita
  • La storia del tuo matrimonio
  • Come è cambiato secondo te il mondo dai tempi della tua infanzia

Solo la fantasia ci pone dei limiti, ed è ovvio che i suggerimenti dei familiari agevolano l’identificazione dei “filoni” più promettenti. Si tratta di un lavoro sistematico di raccolta dati che si avvantaggia della presenza delle persone più portate al ricordo e all’affabulazione. I più “smemorati” o semplicemente più giovani sono tuttavia utili per il contributo di curiosità che apportano, facilitando la narrazione di avvenimenti altrimenti ignorati, mediante opportune domande. Ampiezza dei temi e loro profondità sono a discrezione tua e dei tuoi parenti, coi quali deciderai mano a mano l’angolo visuale sotto cui inquadrare la storia; non propongo ovviamente di venire a ficcare il naso nelle cose di casa tua :) I dialoghi vengono salvati con un registratore vocale ed archiviati per la successiva trascrizione.

Dopo i due primi incontri abbiamo un’idea del lavoro che vogliamo fare, e di quante “sedute” abbiamo bisogno; i tempi sono maturi per decidere l’impostazione generale. La lista di riferimento non è limitativa, e le voci possono essere anche fuse tra di loro.

  • Storia della famiglia (con eventuale sviluppo delle ricerche genealogiche)
  • Storia del nonno (occasione per ambientare racconti in tempi drammatici o comunque testimonianze dei cambiamenti del mondo e della società)
  • Storia del matrimonio dei genitori (pensavo ad un regalo da fare ad un figlio/figlia in occasione delle nozze)
  • Storia dell’azienda di famiglia (in formato snello, originale dono per clienti prestigiosi e mezzo promozionale)

Un elemento prezioso è costituito dall’album di famiglia, dal quale è possibile selezionare alcuni scatti per arricchire il testo con immagini di riferimento. Pure i documenti possono essere allegati al testo, se ritenuti particolarmente significativi. Per impaginazione e formato ti rimando alla sezione Stampa.

Raccolto il materiale orale, trascrivo i contenuti prescelti e li dispongo secondo la forma che avremo concordato assieme, avendo cura di sottoporti le bozze per verificare che il processo avvenga secondo i tuoi desideri; è il tuo libro e devi partecipare attivamente. La corposità dello scritto dipende dalle nostre scelte narrative e dalla consistenza delle memorie in sé. Il libro viene fornito in formato digitale, ma possiamo proporti un ventaglio di realizzazioni cartacee, dalla più economica a quella ricercata, oltre alla concreta possibilità, per i più creativi, di contribuire attivamente alle scelte grafiche e di stampa; per questo ti rimando alla sezione Il mio libro.

Ricorda: questo è il tuo libro, insieme possiamo realizzare un’opera unica, come lo sono le tue storie.